La metafora della clessidra

La metafora della clessidra

Per ogni impresa che vorrai mai fare, nello sport come nella carriera e nelle relazioni, la metafora più bella della vita è quella della clessidra con la parte superiore coperta (la metafora appartiene a Bob Proctor).

Vedi solo il punto di strozzatura attraverso cui passa la sabbia e la sabbia già passata e ferma sul fondo. Non vedi quanta ne deve ancora passare. Sicuro è solo il momento presente. Il passato è fermo, fa solo “volume” e da base alla struttura, il futuro pensiamo di averlo ma non lo sappiamo.
Resta quindi da gestire “la strozzatura”, il presente, granello per granello, esattamente nell’istante che stanno passando… acchiapparli, anche solo per l’attimo.

Questo è il più potente concetto per la gestione del tuo tempo. Fai ora, solo questo conta. Non sai se e quanto ancora potrai fare. Non ha neppure importanza, perché ciò che importa è che in questo istante passi quel granello dalla strozzatura e qui ed ora tu possa realizzare ciò che deve essere realizzato. Arriveranno altri granelli, forse, ma quelli passati non torneranno mai su, indietro. Celebra il passaggio di ciascuno di essi. Rendili “pesanti”.

 

Condividi
Share