La vittoria la imposti prima di avere gli spettatori

La vittoria la imposti prima di avere gli spettatori

Nessuno ti vede quando ti alleni in un giorno d’agosto a palestra chiusa.

Nessuno ti vede quando piangi pensando all’ultimo sciocco sbaglio che ti è costato una sconfitta.

Nessuno ti vede quando sorridi sognando la prossima vittoria.

Nessuno ti vede quando pesi il tuo riso e rinunci alla fetta di torta.

Nessuno ti vede per giorni, settimane e mesi della tua vita.

Poi i faretti si accendono per 10 minuti e tutti ti giudicano in un istante.

Ma è il lavoro invisibile fatto prima di danzare sotto quei faretti che ti ha portato là, non ci sei finito per magia.

Gli spettatori hanno perso il 90% dello spettacolo quando ormai ti guardano sul palco: un evento che è avvenuto mentre nessuno guardava, mentre c’eri solo te e la tua volontà, te e le tue sensazioni, te e i tuoi sogni. Sarebbe mai possibile vendere un biglietto per uno spettacolo simile?

Condividi
Share